dolce senza forno (charlotte alla frutta)


questo è un ottimo dolce estivo perché si prepara senza usare il forno! L’ho trovata sul web, l’ho provata ed è buonissima….fresca e leggera!

questo è lo slide della preparazione che è anche  molto molto semplice:

Questo slideshow richiede JavaScript.

millefoglie in 5 mosse…


Oggi, dopo tanto tempo, torno in cucina….ecco la torta che ho preparato per il compleanno di mio figlio Federico..  per la verità  ero inizialmente orientata verso una SACHER, poi visto il caldo che è arrivato…ho preferito una MILLEFOGLIE ALLE FRAGOLE, più semplice e  veloce ed anche più…estiva!

Tanto semplice che si prepara… in  5 mosse:

1) passare in forno – 200° x 15′ – 3 dischi di pasta sfoglia punzecchiati con una forchetta, spennellati con acqua e cosparsi di zucchero;

2) preparare crema pasticcera con 5 tuorli 300 gr di latte 50 gr di fecola 250 gr. zucchero mescolando e cuocendo finché si addensa e lasciarla raffreddare 

3) montare 400 ml di panna ed unirla alla crema fredda 

4) tagliare 600 gr di fragole a pezzi

5) su ogni disco di sfoglia freddo versare la crema e 1/3 di fragole.  

Si può profumare con un po’ di menta fresca tritata ed ecco la torta è pronta…Io, poi, l’ho decorata con granella di nocciola….era buonissimisssimissimaa!

millefoglie alle fragole

 (volete essere ancora più veloci? Comprate la crema e la panna già pronte!)

la torta a pois


questa è la torta…a pois per il 30° compleanno di mio nipote Francesco

doveva avere un’altra decorazione, purtroppo durante la cottura è cresciuta  a cupola e quando ho visto questa “gobba” ho dovuto trovare una soluzione accettabile e l’unica cosa che ho saputo fare è stato questo.

Ah, se la vedono le amiche dei blog di cucina! Non mi accettano più nemmeno come commentatrice…..

però la torta era squisita:

la base non è pan di spagna ma  una torta alle nocciole (uhmm…) che ho impastato con  il bimby (molti conoscono questo straordinario aggeggio in cucina). Gli ingredienti sono:

200 gr. nocciole tritate,  80 gr. fecola mais, 160 gr. farina, 250 gr. zucchero, 5 uova, 80 gr. burro, 150 gr. latte, 1 bustina lievito. Cottura 180° per mezz’ora e 200° per altri 10 minuti.

Una volta raffreddata, ho fatto due tagli realizzando tre dischi

ho bagnato il disco di base con il latte (abbondante) ed ho farcito con la nutella (400 gr.)diluita con un po’ panna (circa 200 gr.)

idem per il secondo strato e sopra ho coperto solo con la nutella:

…ma la gobba si vede! ….E allora cosa faccio per  ‘sta gobba?  

…così ho cercato di mascherarla con i pois di panna!!!

 

credo di non aver messo sinora fotografie personali (a parte quella di mia figlia Francesca a due anni) ma in questo caso lo voglio fare perché il festeggiato cioè

Francesco e Federico

Francesco (nella foto con la maglietta nera e gli occhiali) è l’artefice della mia avventura su questo blog: è stato lui a darmi il là e spiegarmi i primi meccanismi per gestirlo.  

Quello a fianco è mio figlio Federico il quale, so, non ha nessun problema…a farsi vedere

la meringata


Ho detto  che avrei parlato qualche volta anche di cucina e non l’ho ancora fatto; la ragione principale è che non sono molto ben attrezzata…e poi ci sono molti siti ben strutturati, ricchi di informazioni e ricette che io….posso nascondermi!

Però la cucina mi piace, a volte proprio mi diverte e allora…. ci voglio provare!

Anche perché l’ho promesso a Libera, la nostra maestra di cucina!

E allora ecco  la mia MERINGATA: un dolce semplice, veloce ed estivo perché non ha bisogno di cottura;

ingredienti:
1   sacchetto e 1/2 di meringhe (circa 400 gr)
1/2 litro di panna fresca da montare
50 grammi di cioccolato fondente
 
preparare il pomeriggio-sera precedente:
 
1) montare a neve la panna
2) foderare uno stampo con pellicola
3) fare uno strato di  merighe  sbriciolate (a pezzi)
4) coprire con  uno strato di panna
5) distribuire il cioccolato grattugiato
6-7-8) ripetere 3-4-5
9) terminare con uno strato di meringhe sbriciolate
10) chiudere con la pellicola e conservare in FREEZER fino ad una decina di minuti prima di servire
 
Sullo strato di  meringhe si possono aggiungere dei pezzetti di marron-glacé e prima di servire si può guarnire con delle violette di zucchero.
 

TUTTO QUI, MA E’ BUONISSIMA!!!!

 posso solo far vedere la fotografia della meringata già pronta perché non avendo programmato di parlarne… non ho pensato di fotografare i vari passaggi.  Ma il procedimento è così elementare che non se ne  sentirà la mancanza….

meringata

 
 

ricordate la paella?


Ritorno in cucina, tanto ci stiamo avvicinando al pranzo pasquale…e quindi siamo in tema.

Avete letto la ricetta della paella della mia amica spagnola Matilde di cui avevo parlato il 2 aprile scorso?

Ecco com’era questa paella

paella Matilde

 
qui era proprio
 
appena stata penta:
 
si vede ancora il
 
vapore che sale
 
 
 
 
 
 
 
hmmm peccato che non si possa sentirne il profumo… 

paella Matilde -

 
 
 
qui  a fine
 
cottura: non avevo
 
ragione?
 
 E’ grandiosa!
 
 
 
 
 
ma non era solo bella…. era anche tanto buona e qui sotto vi mostro le mie amiche del gruppo di ballo che…..  l’ha gustata.
 

 

gruppo di ballo palestra Silvana

 

 
Questi sono dei bei momenti di condivisione e ringrazio la mia amica Marilena S. di avermi duplicato queste belle fotografie che io  avevo perso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: