porta-collane: ultima parte


questo è il terzo ed ultimo slide per la realizzazione del porta-collane in cartone (primo: 28 aprile; secondo: 3 maggio)

i cassettini interni e…. il lavoro finito!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Contenitore porta-collane: 2^ fase


segue dal 28 aprile: 2° slide

2^ fase: INTERNO e gancio di CHIUSURA

Questo slideshow richiede JavaScript.

il contenitore portacollane…in tre fasi. Fase 1: l’esterno


avevo accennato alla costruzione di un porta-collane e poiché è un po’ lungo lo divido in tre parti. 

Oggi iniziamo con l’ESTERNO: 1° slide

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Mostre: amore & psiche


Un elaborato realizzato per le mostre che nel 2004 vennero allestite, una,  nel Comune di Bosisio (città natale di Giuseppe Parini), e l’altra,  proprio nel Cortile dell’Osservatorio di Brera, in occasione del 250° dalla nascita del grande pittore neoclassico milanese  Andrea Appiani e la “rinascita” del Teatro alla Scala (uno dei principali monumenti neoclassici milanesi) dopo i grandi lavori di ristrutturazione. In occasione di questo evento storico per i milanesi  la Scuola Superiore degli Artefici (fondata da Maria Teresa d’Austria nel 1776)  insieme alla Scuola Libera del Nudo, la Scuola di Scenografia e la Scuola di Scenotecnica  dell’Accademia delle Belle Arti di Brera  hanno organizzato una mostra di pittura dal titolo  ”OMAGGIO AD APPIANI E AL TEATRO ALLA SCALA”. Andrea Appiani  (Milano 1754-1879) fu il più moderno artista del suo tempo; nel suo stile neoclassico, allora all’avanguardia, ci ha lasciato molte immagini mitologiche e l’elaborato per queste due mostre doveva essere una rivisitazione in chiave attuale e  moderna di alcuni particolari di suoi dipinti  con i quali   aveva decorato la Villa Reale di Monza (altro grande monumento neoclassico milanese).  Tra questi dipinti vi era, appunto, Amore & Psiche che io ho ripreso – come egli li aveva dipinti – inserendoli, però, in un contesto modernissimo, anzi…spaziale! 

(2004, olio su tela 50×70)

 questi sono alcuni momenti della mostra: qui sotto, un particolare dell’esposizione interna nelle stanze dove,  fra 1777 e il 1799, visse il Parini  e  sullo sfondo si vedono i gessi sui quali gli allievi si esercitano  (tra questi  si vede il Cristo “modello” del mio disegno e del mio quadro a olio).

   

Qui sotto invece altri momenti dell’inagurazione della mostra, nel cortile dell’Osservatorio, che venne allietata dalle  graditissime note di un Quartetto di allievi del Conservatorio Giuseppe Verdi

 ……  un bel pomeriggio! Il Quartetto e sullo sfondo  il Direttore dell’Accademia di Brera Fernando De Filippi con alcuni dei professori  (Capraro, Manelli, Vernizzi)

la locandina   della mostra e della copertina dell’annuario 2004

un LEGGIO…. pieghevole!


Questo slideshow richiede JavaScript.

altra idea per un regalino di Natale: un LEGGIO….portatile o pieghevole :

…per la ricetta da leggere in cucina o per il volumetto da leggere nel letto!

…e quando il leggio non serve più si nasconde in un cassetto!

conoscete la “controra”?


 la “controra” era (o è?) quella fascia oraria tra le 2 e le 6 del pomeriggio durante la quale, in certi paesini del sud, d’estate sembrava che il tempo…si fermasse: nemmeno un’anima per strada, tutti chiusi in casa per il troppo caldo e/o per riposare, le persiane chiuse… (insomma, una specie di coprifuoco); così, quand’ero piccola, la sentivo chiamare al paese dove sono nata, in puglia;

ma subito dopo le donne si ritrovavano, sedute sulle sedie fuori dagli usci  a ricamare, cucire…. godere un po’ del fresco che cominciava ad arrivare, chiacchierare  e perché no?, anche a spettegolare….

 

(2004, olio su Masonite 45x63)

 

in queste due canzoni si può ritrovare un po’ quell’atmosfera….

 

 

Nord e Sud…com’è profondo il mare…


(2002, olio su cartonc.telato)

 

Liguria (Portofino) e…

 

(2005, olio su tela 60x60)

 
 

     Campania (Sorrento)               

Chiostro del convento di San Francesco, ora sede della Scuola d’arte

 

 

la chanson des vieux amants


in questo momento ci vorrebbe l’abilità delle vostre penne per descrivere l’atmosfera che mi circonda: cielo buio, nuvole minacciose che scorrrono veloci spinte dal vento, fulmini, strade deserte e pioggia battente

non ci può essere niente di meglio….

 

 

 

es un sentimiento nuevo..


Mia figlia Francesca ha assistito sere fa al concerto di Battiato qui a Milano:  è stato trascinante…e per Battiato è tutto dire!!

Si ripeterà l’11 settembre a Pavia e questa volta…non mancherò!

un po’ di nostalgia:

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: